Pavimento Ospedale Umberto I

Pavimento igienico in resina per cucina alimentare
Pavimento sterile in resina per la cucina degli Ospedali Riuniti di Ancona

Ospedali Riuniti Ancona pavimento in resina

Il pavimento di un ospedale richiede specifici standard qualitativi in termini di igiene e sicurezza. In particolare è necessario avere una superficie che sia in linea con la normativa sulla sicurezza dei luoghi di lavoro e perfettamente sanificabile, dunque altamente resistente agli agenti chimici.

In questo caso siamo andati ad operare in un’area ristretta della struttura, dedicata alla cucina. La superficie in linea con la normativa HACCP deve essere continua, senza la presenza di fughe nella quale possono annidarsi i batteri.

La superficie presentava alcuni dislivelli in quanto le griglie erano state installate precedentemente fuori quota, era dunque necessario recuperare le pendenze.

Per rispondere a queste esigenze e conferire alla superficie ottime resistenze meccaniche e chimiche, elevata durabilità, continuità e caratteristiche antiscivolo a norma UNI EN 13036/4.è stato scelto di applicare un sistema resinoso dello spessore medio di 7 mm.

 

Posa pavimento ospedaliero liquido

Prima di procedere con l’applicazione del sistema resinoso liquido vero e proprio,la superficie è stata preparata meccanicamente mediante rimozione della parte corticale ammalorata, necessaria a rendere l’area di posa idonea all’aggancio.

Si è poi provveduto ad applicare un primer, adeguatamente scelto, sul quale è stato applicata la malta resinosa fino a raggiungimento dello spessore desiderato e successivamente lisciata. Lo strato di malta è stato saturato mediante applicazione di un apposito formulato resinoso.

L’ultima fase di lavorazione prevedeva la realizzazione della segnaletica di sicurezza orizzontale secondo il layout predefinito dal committente e l’applicazione di una finitura antiscivolo nel rispetto della normativa.

 

I pavimenti per ambienti ospedalieri: il battiscopa a sguscia

La sguscia di raccordo igienico è un elemento di primaria importanza per evitare le proliferazione batteria. Questo sistema di raccordo tra il pavimento e il muro elimina l’angolo a 90° al fine di evitare la sedimentazione di sporco e batteri e di agevolare la pulizia della superfici.

I profili a sguscia in pvc o acciaio, che vengono in genere applicati ai pavimenti in pvc o linoleum, rispondono a quest’esigenza ma richiedono comunque una fuga di congiunzione tra il materiale utilizzato per il pavimento e il raccordo stesso.

Per questo motivo un battiscopa sanitario con sguscia di raccordo continua può essere applicata esclusivamente ai pavimenti in resina. In questo caso la sguscia sanitaria risulta un proseguimento stesso del pavimento, con una possibilità di sanificare le superfici al 100% in totale autonomia.

 

Il sistema epossidico in malta resinosa utilizzato per il pavimento della cucina ospedaliera, risponde alle esigenze di tutti i luoghi che per utilizzo devono essere sterili. In particolare sono ideali come pavimenti per ospedali e case di cura, ambulatori medici o studi dentistici.

Infine, grazie allo spessore variabile da 5 a 10 mm, può essere utilizzato come rivestimento delle piastrelle, i classici klinker, o per ristrutturare vecchie pavimentazioni, anche avanzato stato di degrado.

 

Vuoi un pavimento igienico per il tuo ambulatorio?

Contattaci subito

I nostri consulenti sono a disposizione per trovare la soluzione più idonea alle tue esigenze.

Puoi contattarci al numero 0731 704233 o compilando il form di seguito.

Privacy Policy